• Monaca agostiniana
  • Marianna de Manzanedo y Maldonado nacque ad Alba de Tormes (Salamanca), la stessa cittadina nella quale quattordici anni dopo morì S. Teresa di Gesù, che la conobbe di persona - l'incontro le rimarrà inciso per sempre -, lesse le sue opere, cui somiglierà poi come scrittrice, mistica e fondatrice di monasteri. La sua famiglia era nobile e profondamente religiosa. Il nonno materno fu ordinato sacerdote e la nonna entrò in convento con la propria figlia. E la stessa via seguì suo padre quando, diventato vedovo, fu ordinato anche lui. All'età di tre anni Marianna fu portata a vivere a Ciudad Rodrigo e, orfana a otto, fu avviata al locale monastero delle Agostiniane.
  • Lì maturò la sua vocazione e, a diciotto anni, prese l'abito e nel 1588 emise i voti. E sempre lì, da semplice religiosa, da maestra delle novizie o da superiora, continuò a vivere il profondo desiderio di perfezione che già da piccola veniva nutrendo nel suo cuore. Nel 1603 il provinciale agostiniano di Castiglia Agostino Antolinez, che desiderava aprire un monastero riformato a Eibar, in Guipuzcoa - quello di Marianna si era incorporato alla recollezione iniziata da Alfonso de Orozco nel monastero della Visitazione di Madrid -, pensò ad essa e la inviò come superiora. Marianna stessa ne fonderà poi dei nuovi a Medina del Campo, Valladolid e Palencia.
  • Filippo II di Spagna e Margherita di Austria la vollero nel 1611 per fondare a Madrid il Monastero dell'Incarnazione. In seguito interverrà ancora nell'istituzione o nella incorporazione alla riforma di altri cinque monasteri. Durante tutta la vita professò una grande devozione ai misteri della passione del Signore, incentrati nella Eucaristia. Donna di fede e di amore verso Iddio e il prossimo, si distinse per la rettitudine e l'umiltà nella propria vita e per il coraggio e la prudenza nelle fondazioni e nel governo. Nei suoi scritti traspare la semplicità unitamente all'elevazione della sua esperienza mistica. Morì nel Monastero dell'Incarnazione di Madrid, ove riposano i suoi resti.
  • Avuto il nihil obstat dalla Santa Sede il 2 marzo 1993, è stata istruita l'inchiesta diocesana (27 aprile 1993 - 10 luglio 1996) che poi è passata alla Congregazione dei Santi a Roma, ove il 29 novembre 1997 è stato ottenuto il decreto di validità.

Fonti:

http://www.agostinjani.org/mt/spiritwalita/xhieda-ta-qdusija.html 

http://www.santiebeati.it/dettaglio/96248